Associazione Promozione Sociale Benevento


gio 01-04-2021 07:49:46 n.40, di redazione

"Cambiare l'acqua ai fiori" di Valèrie Perrin

Il commento di Angelo Miraglia

La storia che parla di una guardiana di cimitero mi ha incuriosito al pari di un altro libro che ho molto amato : "L'antologia di spoon river", ma mentre nel libro di Master la prospettiva era dal "basso" ed i racconti erano scritti da quelli che guardano l'erba dalla parte delle radici, qui, invece, si riporta la cronaca dell'ultimo viaggio con un resoconto a metà tra la cronaca analitica e il racconto dell'ambiente, come di uno spettatore interessato a cogliere nella cerimonia gli aspetti più ordinari e quelli stravaganti e "speciali".
Il libro è un continuo resoconto di perdite che investono i personaggi del racconto, con un particolare approfondimento sulla custode del cimitero, Violette " ognissanti", nomen omen, che  come un giunco nel fiume, piegandosi ad ogni piena, riesce a resistere e superare tutte le difficoltà e le tragedie che la vita le para davanti.
È, a mio parere, un libro pedagogico, insegnandoci a far prevalere i sentimenti e le piccole felicità, al desiderio di possesso e di bramosia che, purtroppo, spesso prevale.
La scrittura, bella e scorrevole, fa entrare più facilmente negli intrecci del racconto che ribalta moltissimi luoghi comuni, legati spesso a convinzioni e preconcetti che ci cuciamo addosso per evitare di entrare nei panni degli altri.
Ho trovato poi, in alcuni passi del romanzo, un particolare che mi ha fatto sorridere: sulla tomba di un noto avvocato l'amante ha poggiato una palla con la neve che lei, ogni volta che torna nel cimitero a trovarlo, ama agitare e poi appoggiarlo nei pressi della foto dell'amato, nel ricordo di un momento felice trascorso insieme.
Ecco, se dovessi dirla tutta, l'autrice è riuscita a legare nel racconto ed a intrecciare abilmente felicità e tristezza, odio ed amore, vitalità e decadimento; insomma ha raccontato la vita, partendo da un luogo apparentemente opposto.

 

Categ Le recensioni dei Lettori, letto 10 volte