Associazione Promozione Sociale Benevento


mar 31-08-2021 12:19:02 n.83, di Elide Apice

Le recensioni dei Lettori Itineranti: Due vite di Emanuele Trevi

Il commento di Angelo Miraglia

"Due vite" di Emanuele Trevi edizioni Neri Pozza
Premetto che è un libro destinato, insieme all'autore, a dividere i lettori sia per lo spunto narrativo che per la prosa.
L'autore trova la forza e anche il coraggio di rendere il giusto omaggio a due amici che hanno attraversato ed influenzato non solo la sua vita ma anche e io direi, soprattutto, la sua visione della letteratura e del mondo.
Sembra in alcuni passaggi che l'autore voglia scusarsi per aver atteso tanto nel pubblicare quello che a me e sembrato un necrologio un poco più esteso.
Certamente il parlare di loro serve all'autore per parlare di sé e della vita insistendo particolarmente su un viaggio che ha segnato fortemente la loro amicizia e le esperienze successive.
Talvolta, nel voler mettere al loro posto fatti e circostanze, l'autore cade in espressioni scontate, ma si riscatta tornando a temi cari ai suoi amici (la complessità della vita e la ricerca spasmodica di dare regole e percorsi ai loro vissuti).
Rimane in me, alla fine della lettura, un senso di incompiutezza, di racconto non finito, di cose non dette, di speranze tradite, di destini non previsti.
Infine credo che i giurati del premio abbiano voluto, premiando Trevi, dare un giusto tributo a chi, in un modo o nell'altro contribuisce alla letteratura perché oltre ad essere amici dell'autore i due erano autori anch'essi e Pia Pera era una stimata ed apprezzata traduttrice dal russo.
Una notazione personale: mio padre amava in maniera quasi mistica la letteratura russa e gli autori russi, li leggeva nella lingua originale ed è per questo che mi ha sempre affascinato quella cultura. Conoscere,sebbene in maniera indiretta, chi questa cultura studiava mi ha aperto un cassetto di ricordi che mi hanno fatto venire tanta nostalgia.

 

Categ Le recensioni dei Lettori, letto 42 volte