Associazione Promozione Sociale Benevento


gio 28-03-2024 13:57:22 n.254, di Elide Apice

Incontro con Nicola Pesce: Il sapore dell' albicocco

Alla Libreria Barbarossa per


Il sapore dell' albicocco è il titolo del libro che Culture e Letture aps ha presentato stasera alla Libreria Barbarossa.
Ma non è solo un libro, è uno stato d'animo, un sapore mai perduto, il ricordo di giorni passati, il fare pace con ieri e il ricominciare ancora. 
Al centro la gentilezza e la bontà, la bellezza di un' anima pura, la meraviglia di un autore Nicola Pesce Himself che si è raccontato emozionandosi e emozionandoci.
Un libro bello, carico, intenso ... davvero felici di averti avuto nostro ospite .
Sempre grazie a Anto Barbarossa e Francesca D'alessandro , libraie perfette, squisite, inclusive che abbiamo ritrovato pari pari nelle pagine del libro e grazie a Tiziana Iannelli e alle sue emozioni palpabili e tangibili, a Alda Parrella e alle sue letture alle tante e ai tanti presenti.
Non avremmo potuto immaginare meglio di così l' avvio della nostra rassegna ",aprile in libreria".
Ora restano i ricordi di un incontro splendido e la speranza che quell' albero di albicocco che le libraie hanno donato a Nicola Pesce attecchisce proprio lì dove è rimasto il ricordo del vecchio albicocco.
Un grazie anche a Lorenzo Tosa, è anche grazie a lui che abbiamo conosciuto Nicola


Donatella che mi hai stretto le mani, ti voglio bene.
Hai cinquant’anni e sei autistica come me. E l’altro giorno le parole all’inizio non ti uscivano. Io e te stoniamo tanto nel mondo che in una folla ci vedrebbero subito e direbbero: ecco, qui due, non sono come gli altri.
Mi guardavi circospetta, come un animaletto selvatico. Potevi fidarti di questo grosso tizio barbuto?
Perché è da tutta la vita che della gente non ci possiamo fidare. Mentre tutti cercavano di definire quanto fosse bella l’atmosfera della Libreria Barbarossa di Benevento che ci stava ospitando e tu, con gli occhi lucidi di una timida sincerità, hai detto: «Qui è casa». E io ti ho sentito, ho sentito la vampata della tua timidezza e del tuo sforzo di tirar fuori le parole come da una pentola a pressione. E mi è salito il solito maledetto groppo di pianto. Ma l’ho tenuto a bada, hai visto? Come hai fatto tu.
Poi mi hai domandato, superando la paura di parlare davanti a sessanta persone, come facevo a rapportarmi con gli altri «visto che non… non capiscono!».
E anche questo grido a me è arrivato tutto, anche se lo hai detto sottovoce.
Come spiegare che l’altro giorno, per esempio, ero pieno di ansia perché avevo ricevuto una normale telefonata. E allora mi son detto: almeno vado a fare la spesa. Ma poi, arrivato al piccolo supermercato, ho visto che dentro c’erano le persone, ovviamente. E non ce l’ho fatta ad entrare.
Dire «Buonasera», incrociare gli sguardi dei cassieri… non ce l’avrei fatta. Ho rimesso in moto e mi sono ritirato a casa. Dove non avevo più cibo. Era… era terrore? Non lo so. Terrore di parlare con le persone? No, no. Anche solo di essere guardato. In quel momento ero fragile. E questo solo tu lo puoi capire.
Perciò a fine presentazione scusami se sono venuto a prenderti per entrambe le mani e ti ho detto: gli altri non li pensare, non pensare ai loro giudizi. Fai quello che ti va di fare. Se va bene a te va bene a tutto il mondo. Non te ne fregare.
Tu mi hai guardato, rossa in viso e ci sono schizzate le lacrime fuori dagli occhi come quando da piccoli ci si spruzzava con le pistole ad acqua. Ma abbiamo resistito di nuovo. Non abbiamo pianto. Erano solo lacrime.



















































Categ incontri con gli autori, letto 44 volte